Torna a RICETTE DI CUCINA, in particolare della buona cucina tradizionale palermitana

Sfincione palermitano secondo la ricetta di Rosario

Ingredienti per 8 persone

    Per l’impasto (teglia cm 30 x 40)
  • 500 gr. di farina di rimacinato
  • 50 gr. di strutto
  • 25 gr. di lievito fresco o quantità equivalente in polvere
  • 10 gr. di sale
  • 10 gr. di zucchero
  • 300 gr. di acqua tiepida

 

    Per il condimento
  • 2 kg. di cipolle bianche
  • 100 gr. di acciughe sott’olio
  • 2 cucchiai di concentrato di pomodoro
  • 100 gr. di caciocavallo a pezzettini
  • 1 spolverata di caciocavallo grattugiato
  • 1 spolverata di pangrattato
  • sale q.b.
  • origano q.b.

 

Preparazione

Condimento:
tagliare le cipolle a fette grossolanamente e metterle a imbiondire in una padella con acqua e un giro d’olio.
A fine cottura, nella stessa padella, fare sciogliere la metà delle acciughe aggiungendo un po’ di olio delle stesse acciughe e almeno due cucchiai di concentrato di pomodoro . Se necessario aggiungere un po’ di sale.
Quando il tutto si sarà raffreddato amalgamarvi il caciocavallo tagliato a cubetti.

Pasta:
versare la farina nella ciotola dell’impastatrice, poi lo strutto, il lievito, lo zucchero e cominciare a mescolare a velocità moderata, aggiungendo un poco alla volta l’acqua. Dopo un paio di minuti circa, aggiungere il sale. Aumentare gradualmente la velocità fino a che la pasta non si stacca dalle pareti e diventa asciutta e morbida (il tutto per circa 4-5 minuti).
Nel caso in cui non si è in possesso di una impastatrice, procedere a creare il solito cratere con la farina e impastare aggiungendo tutti gli ingredienti nello stesso ordine detto prima, finsfincione alla palermitanao ad ottenere una pasta morbida e che non si attacca alle mani. Naturalmente i tempi sono più lunghi.
Preparare una teglia ungendola con lo strutto, meglio se molto denso, dopodiché stendervi la pasta formando uno strato uniforme di circa 1 cm. Praticare su tutta la superficie piccoli fori con l’aiuto di una forchetta o meglio dell’attrezzo adatto. Fare lievitare per almeno 2 ore.
Distribuire sopra la pasta l’altra metà delle acciughe fatte a pezzetti, poi stendere uniformemente il condimento preparato prima. Spargere, infine, un velo di caciocavallo grattugiato, un velo di pangrattato e un filo d’olio.
Preriscaldare il forno a 250°. Quando il forno è caldo infornare per circa 30 minuti.
Sfornare e aggiungere un po’ di origano.


Nota: per evitare che la pasta si ammolli è consigliabile, prima di stendere il condimento, infornare l’impasto per fargli fare una leggera crosticina. In questo caso diminuire i tempi di cottura .

 

Torna all’elenco iniziale