Torna a FAI DA TE

Manutenzione e piccole riparazioni

Per la manutenzione e la riparazione di piccoli guasti degli elettrodomestici, siano essi piccoli o grandi, occorre fare molta attenzione.
Per prima cosa controllare che non sia ancora scaduta la garanzia (normalmente è di due anni, ma può anche essere superiore, pertanto, conviene conservare bene lo scontrino fiscale assieme alla garanzia e al libretto delle istruzioni).
Nel caso in cui l’elettrodomestico sia ancora in garanzia non si deve assolutamente smontarlo, ma dopo avere constatato che il suo mancato funzionamento non sia dovuto ad un problema dell’impianto elettrico o ad un errato uso dell’elettrodomestico, occorre chiamare il centro assistenza (di solito è indicato in fondo al libretto di garanzia o separatamente. Nel caso in cui non fosse indicato conviene rivolgersi al negozio che ha venduto l’elettrodomestico che fornirà l’indirizzo del centro più vicino).
Anche nel caso in cui la garanzia sia già scaduta, occorre una buona esperienza per smontare un elettrodomestico, specialmente se è di piccole dimensioni.
Molto spesso questi elettrodomestici sono assemblati senza l’uso di viti, ma ad incastro, per cui è molto frequente la rottura dei gancetti di sostegno, con la conseguente impossibilità ad utilizzarli.
Può anche accadere, nel caso in cui le parti sono assemblate per mezzo di viti, che le stesse viti abbiano le teste incise in modo particolare, per cui non servono i normali giravite, ma occorrono quelli adatti, in dotazione ai centri di assistenza.
E’ inutile insistere con giravite inadatti, perché l’unico risultato è quello di rovinare l’incisione sulla testa delle viti, senza più la possibilità di poterle svitare.
Nel caso in cui si riesca a smontare l’elettrodomestico (mai prima di avere staccato la spina dalla presa di corrente), si deve cercare il motivo del malfunzionamento.
Nel caso in cui non si riscontri nulla di anomalo (un filo staccato, un morsetto lento, un filo rotto rilevabile aiutandosi possibilmente con un tester), oppure in presenza di parti elettroniche, a meno di avere conoscenze specifiche in materia, conviene rinunciare e rivolgersi ad un centro di assistenza.
In questo caso occorre valutare se conviene fare effettuare la riparazione, in funzione dell’età dell’elettrodomestico rotto, del suo valore nuovo e del costo della riparazione.
Pertanto, è utile farsi fare sempre un preventivo per la riparazione, anche se questo quasi sempre ha un suo costo.
Per quanto riguarda i grandi elettrodomestici, vale quanto detto per i piccoli elettrodomestici, considerando che sempre più spesso sono assemblati con notevoli quantità di componenti elettronici, per cui è problematico in mancanza di esperienza specifica individuare e tanto meno riparare un guasto.
La manutenzione o la riparazione in tale caso può limitarsi soltanto alla sostituzione di qualche tubo di carico o di scarico che perde o al cavo di alimentazione rotto, sfilacciato o staccato, guarnizioni e poco altro.
Nel caso di guasto di grandi elettrodomestici conviene quasi sempre affidarsi ai centri di assistenza, valendo anche per questi la raccomandazione del preventivo e della valutazione della convenienza della riparazione.

Torna ad inizio pagina

Torna alla pagina Fai da te