Torna a ANIMALI DA COMPAGNIA

Li cani abbannunati

«Giggè», je fece Tao, «ma dimme ’n po’
come te sei sentito lì fionnato
sur marciapiede, ne la notte scura,
quanno che quelli tua t’hanno mollato?»

«Te dico che (perché tu sei ’n amico,
e nun me piace che lo sanno tutti)
sippuro me lassorno su la strada
er core mio nu’ li vedeva brutti.

Penzavo a ’n giocherello, a ’no scherzetto.
Sarebbeno tornati âvo supposto.
Fâvo capì, abbajanno, ch’ero là,
perché sò nero e buio era quer posto.

Ma ’n passò tempo quanno che, ’mprevista,
me venne accosto ’na signora bionna,
me carezzò, me strinze forte ar petto,
me se pijò: pareva ’na Madonna!»

«E puro a me Giggè», je disse Tao,
«che ’n meritavo propio ’i cassonetti
’ndo stavo, sporco, quasi pe morì,
me vennero a trovà ’n po’ d’angioletti.

Li regazzetti, ’nzomma, der quartiere
che me portorno presto a l’ospedale
corenno su la strada gamme gamme
perché nu’ je spettava d’avé l’ale».

«Ma l’ommini chi sò?», chiese Giggetto,
«Tu ce lo sai? Sò quelli che ce cacceno,
ciammazzeno, ce sfrutteno e ce magneno
o quelli che ciabbracceno e ce sarveno?»

«Adesso ascorteme», je fece l’artro,
«Mettete ’n testa quello che te dico.
Li cattivoni ’n zò da buttà via,
sò uguali a quelli boni, caro amico,

perché sò pezzi de lo stesso Celo,
se tengheno pe mano tutti quanti.
Allora si così le cose stanno
avemo d’accettà diavoli e santi.»

Riccardo Ascoli

Torna alla pagina Animali da compagnia